Crea sito

Da “restare umani” non c’è nulla. Gli scafisti mancano l’appuntamento con la ONG ed è strage in mare

“Gli scafisti convinti di raggiungere la Ocean Viking, che da 24 ore incrociava al largo della Libia. Ma la nave si era spostata.” Lo dichiara in una sua inchiesta il quotidiano “la Verità” in merito alla strage avvenuta in mare al largo della Libia nella giornata di ieri.

Come riferisce il giornale diretto da Maurizio Belpietro, gli scafisti avevano “appuntamento” con la ONG “Ocean Viking” nei pressi del punto esatto della tragedia, ma un difetto di comunicazione tra il barcone di clandestini e la ONG non ha fatto capire ai primi che in realtà la nave che doveva imbarcarli con il solito trasbordo si era in realtà spostata. Il gommone si è quindi rovesciato e non ha trovato nessuno a soccorrere i 130 immigrati che sono si sono dispersi in mare.

C’è da dire che di “restiamo umani” non c’è proprio nulla ma vi è tanta tratta di esseri umani e business.