Dal 1 Maggio ripartono le cartelle esattoriali. Meloni “Scandaloso”. Cosa ne pensa Salvini?

Saranno ben 35 milioni le cartelle esattoriali pronte a partire dal 1 Maggio, una mazzata per gli italiani gia alla canna del gas. Il Governo Draghi, a trazione sinistra, si tiene coerente con quello Conte ed anche in questo caso la presenza di Lega e FI in maggioranza non sembra sortire alcun effetto.

Ad alzare la questione che in questo frangente economico può considerarsi drammatica, è Giorgia Meloni che dichiara “Smascherato il bluff del Governo Draghi sulla pace fiscale: dal primo maggio ripartono 35 milioni di cartelle esattoriali. Altro che ripartenza: per famiglie e imprese, già messe in ginocchio da pandemia e chiusure insensate, è in arrivo un vero e proprio salasso. Fratelli d’Italia aveva chiesto al governo, con emendamenti all’ultimo Decreto sostegni, di azzerare debiti e tasse per tutte quelle attività che non hanno potuto lavorare per le restrizioni volute da Conte e Draghi. Ma con la sinistra alla guida della maggioranza e del governo, come dimostra anche la conferma del coprifuoco, prevale sempre il livore ideologico e quasi mai il buonsenso.”

C’è da capire quale sarà la posizione di Matteo Salvini in merito, visto che quando la questione delle cartelle esattoriali era in mano a Conte lo ha reso oggetto di furiosi attacchi. Visti i mal di pancia lamentati dal leader leghista in queste ultime ore rispetto a richieste disattese, una su tutte il coprifuoco, dal Governo Draghi chissà se questa non farà rompere definitivamente il vaso.