Le due Italie. Quella di Michele che agisce e quella vip che fa la spia

In queste ultime settimane due episodi di cronaca che hanno dipinto alla perfezione il becero tempo in cui viviamo. Hanno dipinto due Italie, quella di Michele Dal Forno un ragazzo di Verona che per campare la sera fa il rider e quella di Alessandro Gassman, vip, figlio d’arte e attore che la sera la passa al caldo sul divano.

L’Italia vip di Gassman è quella che se sente nell’appartamento affianco dei ragazzi che si divertono, prova subito un senso di cattiveria che lo induce a pensare alla punizione esemplare per quei giovani mettendosi i panni del delatore, per fare la spia. E così fa. Chiama la polizia, non si alza dal divano per andare nell’appartamento affianco e far notare la cosa, no, lui vuole la punizone per quei ragazzi, la vuole dalle forze dell’ordine per provare anche il godimento di averla ottenuta con una spiata. Ma il vip vuole raggiungere il massimo dell’orgasmo e allora esprime la sua massima qualità di vip: l’annuncio social. E così scrive pubblicamente della sua spiata, fatta di nascosto e palesata al pubblico dei like vantando di aver “fatto il mio dovere”. Purtroppo ha raccolto pochi like ma tante offese e minacce.

L’Italia di Michele è diversa, è un’altra Italia. È l’Italia della gente normale, quella che deve pensare a come portare il pane a casa e non a come svagare le sue manie sul divano. Michele fa il rider la sera e porta i pasti nelle case della gente, anche dei vip come Gassman che forse non gli lasciano nemmeno la mancia. E così mentre Michele lavorava, sentiva delle urla di ragazza e sghignazzi di ragazzi. Michele non si è sentito di farsi i fatti suoi o di fare la spia, Michele va a vedere. Si trova davanti ad una aggressione, ragazzo stranieri stanno per fare lo sporco servizio alla ragazza. Michele non pensa a scrivere sui social o a chiamare la polizia, anche se lui si che l’avrebbe potuto fare. Michele interviene. Michele salva la ragazza ma rimedia un brutto sfregio sul volto che se lo porterà a vita. Michele non fa il fenomeno suo social come Gassman ma rispetto al delatore-attore, Michele davvero può dirlo fieramente “fatto il mio dovere”.

Ci sono due italie, quella di Michele e quella di Gassman. Stiamo dalla parte dell’Italia di Michele.